Chi è Chicco Porcu
Manifesto Politico e Resoconti
Attività Politica
Interventi d'Aula
Idee e Programmi
Elezioni e Referendum
Video
Rassegna Stampa
News di Chicco Porcu
Archivio Generale


Cronache Incontri
Appuntamenti Passati




 
Stampa Stampa Indietro Indietro Home Home

Discussione della proposta di legge : "Disposizioni in materia di agricoltura"
11 Novembre '10, giovedì
PORCU (P.D.). Io mi associo alla richiesta dell'onorevole Cocco e non vorrei fare una dichiarazione di voto che poi si rivela magari o auspico magari che si rivela infondata nelle conclusioni se il presidente Cappellacci ci stupisse anche con un'azione di recepimento di quelli che sono i principi di questo emendamento.

Vede, Presidente, noi con questo emendamento la stiamo aiutando lei ha fatto una promessa dove non c'erano né minimi né massimi la promessa era 2500 euro ad azienda, le aziende sono circa 15 mila, forse ne togliamo qualcuna per le quali l'attività agropastorale non è tipica 15 mila per 2500, fa, togliendone qualcuna farebbe 37.500.000, fa 35.000.000.

Noi, Presidente, con questo emendamento la stavamo aiutando a ribadire che lei dice la verità o che sa dire la verità. Con questo emendamento volevamo rendere chiaro, tangibile che lei gli impegni è in grado di mantenerli al di là di regole, regolette e delibere di Giunta che poi destineranno i soldi magari ad alcune e non ad altri; e lei ha ben capito che l'opposizione su questo emendamento la chiamava a un gesto diciamo di responsabilità e di cooperazione con l'Aula che vorrebbe licenziare questo provvedimento il prima possibile perché si rende conto che non è un buon provvedimento, ma è un provvedimento emergenziale che non affronta i nodi strutturali.

E invece la sua chiusura, il suo diniego ci preoccupa e non vorremmo che non fosse la sua volontà di dire la verità o di mantenere le promesse in gioco ma fosse invece, Presidente, io spero che lei mi smentisca, spero che lei mi smentisca, la preoccupazione o l'incapacità o la difficoltà di far sì che sia il Governo nazionale che mantenga gli impegni con la Sardegna perché lei sa che il terreno trema, prima prende le distanze da lei il ministro Galan, ieri ci dicono che prende le distanze da lei anche il primo ministro Berlusconi, il sottosegretario Vegas taglia le risorse alla Sardegna.

Allora forse non è soltanto l'incapacità di dare la verità, ma forse l'incapacità di poter mantenere qualsiasi promessa perché la terra le trema sotto i piedi. Io le chiedo su questo emendamento di dircela la verità, di fare uno sforzo e di capire che gli impegni si mantengono e magari mantenendo l'impegno lei avrà anche voce più forte e autorevole e a far sì che altri mantengano gli impegni nei confronti della Sardegna.

PRESIDENTE. Onorevole Porcu, dichiari il suo voto.

PORCU (P.D.). Presidente, se non si era capito il mio voto è favorevole.



PORCU (P.D.). Presidente, io non mi dilungo sul fatto che la cifra complessiva, anche con questo ritocco, sia molto lontana dagli impegni che lei ha preso, perlomeno quelli che sono riportati nel sito della Regione e che sono stati sottoscritti il 1° novembre, che parlano di 2.500 euro ad azienda punto.

E io, Presidente, se il sito istituzionale della Regione Sardegna non riflettesse gli accordi la invito a correggerlo, così ci rendiamo meglio conto se sia vero o meno che lei è capace di mantenere gli impegni, poi potremmo citare altre circostanze.

 Però vede, Presidente, io capisco che lei frequenti poco le aule parlamentari, però quello che lei ha fatto stasera in termini istituzionali si chiama sgarbo.

Lei oggi non ha trovato di meglio che far bocciare gli emendamenti dell'opposizione, anche quelli che andavano, guarda caso, come cifra molto vicino al punto di arrivo per non far sentire l'opposizione parte di una soluzione che ci potesse vedere tutti coinvolti.

Lei ha voluto darci uno schiaffo, lei ha voluto non accogliere le nostre considerazioni arrivando a un emendamento di sintesi che magari poteva vedere la nostra astensione se non il nostro accordo, e ha avuto con gesto teatrale, certamente poco istituzionale, che certamente poco aiuta i rapporti con questa minoranza, far bocciare i nostri emendamenti, anche quelli che andavano esattamente nella direzione, anche come cifra, perché io le ricordo l'emendamento numero 42 che parla di 18 milioni, con un gesto così, con uno schiaffo alla minoranza, pur di volerci dimostrare che secondo lei gli impegni li mantiene.

Io credo, Presidente, che certamente non le fa onore questo gesto e certamente lei anche in questa circostanza dimostra nuovamente di non essere adeguato a guidare la Sardegna.

Guarda il video degli interventi su facebook

Top
Stampa Stampa Indietro Indietro