Chi è Chicco Porcu
Manifesto Politico e Resoconti
Attività Politica
Interventi d'Aula
Idee e Programmi
Elezioni e Referendum
Video
Rassegna Stampa
News di Chicco Porcu
Archivio Generale


Cronache Incontri
Appuntamenti Passati




 
Stampa Stampa Indietro Indietro Home Home

Interpellanza 132/A sulla mancata iscrizione delle entrate fiscali della Sardegna
27 Luglio '10, martedì
CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA XIV LEGISLATURA

INTERPELLANZA PORCU, SABATINI, BARRACCIU, BRUNO, URAS, SALIS, sulla mancata applicazione del nuovo regime delle entrate regionali, ex art. 8 dello Statuto Speciale riformato, nell’assestamento del Bilancio dello Stato 2010 .

I sottoscritti,

PREMESSO CHE

-        L’art.1, comma 834, della L. 27 dicembre 2006, n.296 (legge finanziaria 2007) ha riformato il titolo terzo dello Statuto speciale della Sardegna definendo, all’art 8, a partire dal 2010, un nuovo regime di regolamentazione della compartecipazione della Regione Sardegna alle entrate erariali dello Stato;

-        l’entrata in vigore di tale normativa prevede per quanto riguarda le entrate erariali spettanti alla Sardegna che a decorrere dall’esercizio finanziario 2010:

1) occorre fare riferimento a tutte le fattispecie tributarie maturate in ambito regionale, anche se affluite ad uffici finanziari situati fuori dal territorio della regione (art.8, ultimo comma);
2) la compartecipazione all’IVA avviene in quota fissa (anziché in quota variabile) nella misura di nove decimi rilevata in base ai consumi regionali delle famiglie (lettera M, art. 8);
3) la compartecipazione regionale viene estesa a tutte le entrate erariali maturate nel territorio della Sardegna;
4) la RAS si accolla il totale delle spese in materia di Sanità e quelle connesse al trasporto pubblico locale (Ferrovie Sardegna e Ferrovie Meridionali Sarde) e alla continuità territoriale aerea;

-        tale nuovo regime di entrate deve sostenere le nuove funzioni esercitate dalla Regione per una cifra pari a circa 1 miliardo e 600 milioni di euro, determinando maggiori entrate nette che, tenendo conto del minor gettito fiscale conseguente la crisi finanziaria ed economica che ha colpito la regione Sardegna, vengono correntemente stimate, dalla Ragioneria Generale RAS, in un miliardo e 200 milioni di euro;

-        coerentemente con il nuovo regime di entrate la Regione Sardegna ha inserito - con Legge regionale 28 dicembre 2009, n. 6 - Bilancio di previsione per l'anno 2010 e bilancio pluriennale per gli anni 2010/2013 – la previsione di entrate tributarie ordinarie pari a 7.079.895.500 Euro di cui 1.950.000.000 Euro di IVA e 2.080.000.000 Euro di I.RE ;

-        la discussione in corso alla Commissione Bilancio della Camera sulla Legge di Assestamento del Bilancio dello Stato 2010 ha confermato che vi sono seri rischi per la Sardegna di non poter disporre nel 2010 delle risorse previste dal nuovo regime di compartecipazione della Regione alle entrate erariali dello Stato e regolarmente iscritte nel Bilancio 2010 della Regione Sardegna;

-        il Bilancio dello Stato per il 2010 prevede, attualmente, per la Regione Sardegna soli 4 miliardi e 500 milioni di euro di compartecipazione erariale per competenza e per cassa, circa 2.590 milioni di Euro in meno rispetto a quanto inserito dalla RAS nel proprio bilancio di competenza;

- il vice ministro Vegas in data 13 luglio 2010, nel corso di un intervento in Commissione alla Camera dei Deputati in occasione dell’esame Legge di Assestamento del Bilancio dello Stato 2010 contenente disposizioni per l’assestamento del bilancio dello Stato e dei bilanci delle amministrazioni autonome per l’anno finanziario 2010, rispondendo ad una domanda dell’On.le Calvisi, ha motivato la mancata iscrizione in bilancio delle nuove entrate, con la necessità di apposite norme di attuazione del nuovo articolo 8 dello Statuto della Regione Sardegna;

-        tale affermazione non trova conferma nella giurisprudenza Costituzionale, nello Statuto della Regione Sardegna ed è in contrasto anche con la posizione precedentemente assunta dallo stesso Governo che, nel confermare l’immediata applicabilità della richiamata modifica statutaria in materia di entrate della Regione Sardegna, aveva accolto, nella seduta del 17 dicembre 2009 sul disegno di legge di bilancio di previsione dello Stato per il 2010, l'ordine del giorno Cicu n. 9/2937-A/7, volto proprio a chiedere l’immediato trasferimento delle somme spettanti alla Sardegna dal capitolo di bilancio 2797 relativo al Fondo occorrente per l'attuazione dell'ordinamento regionale delle regioni a statuto speciale;

-        ad ulteriore aggravio della situazione per la Regione Sardegna, lo stesso vice-ministro Vegas ha affermato, nella stessa richiamata seduta di Commissione che non ci sarà alcun differimento nell’esercizio delle nuove funzioni attribuite alla RAS in materia di sanità e di trasporto pubblico locale;

-        risulta del tutto evidente che la mancata immediata allocazione delle risorse relative al nuovo regime dell’entrate fiscali, aggravata dagli oneri sopportati per le nuove competenze attribuite alla Sardegna dallo Stato, rischia di avere un effetto drammatico sull’effettiva possibilità per la Sardegna di coprire anche le sole spese di cassa concordate con lo Stato per l’esercizio essenziale delle proprie funzioni.  Tali spese ammontano, per l’anno 2010, a circa 6.339 milioni di euro, di cui circa 3.200 milioni di euro relativi alla spesa sanitaria, trasporto pubblico locale e alla continuità territoriale aerea non soggetti ai vincoli di spesa del Patto di Stabilità e 3.139 milioni di euro per tutte le altre spese ricomprese all’interno del Patto di Stabilità;

-        in questa grave situazione la Regione non può esimersi dal reagire con immediatezza e con determinazione contro la posizione assunta dal Governo che lede il principio di leale collaborazione tra istituzioni,  interviene impropriamente sulla sfera di attribuzioni ad essa assegnate dal proprio Statuto, mette a rischio lo stesso funzionamento della Pubblica Amministrazione regionale e di servizi essenziali per i cittadini oltre a compromettere la possibilità di attuare concretamente qualsiasi politica pubblica atta a superare la crisi sociale ed economica che colpisce la società sarda.

Tutto ciò premesso i sottoscritti,

INTERPELLANO

-        il Presidente della Regione e la Giunta Regionale se non sia opportuno proporre conflitto di attribuzione davanti alla Corte Costituzionale avverso le dichiarazioni rese dal vice ministro Vegas e/o avverso ogni altro atto che neghi alla Regione l’immediata disponibilità delle entrate di cui all’art. 8 dello Statuto d’Autonomia (legge costituzionale 26 febbraio9 1948, n. 3);

-         non sia opportuno impugnare presso la Corte Costituzionale l’Assestamento di Bilancio 2010 dello Stato e/o ogni altra legge finanziaria che se approvata, dovesse non prevedere le maggiori compartecipazioni fiscali spettanti alla Regione con l’effetto di disconoscere la legittimità dell’immediata applicazione del nuovo regime di entrate previsto dallo Statuto d’Autonomia della Regione Sardegna
di Chicco Porcu

Top
Stampa Stampa Indietro Indietro