Chi è Chicco Porcu
Manifesto Politico e Resoconti
Attività Politica
Idee e Programmi
Elezioni e Referendum
Video
Rassegna Stampa
News di Chicco Porcu
Archivio Generale




Cronache Incontri
Appuntamenti Passati




 
Stampa Stampa Indietro Indietro Home Home

IL CENTRO SINISTRA OCCUPA L'AULA: BASTA CON LE PROMESSE DEL GOVERNO BERLUSCONI
20 Dicembre '10, lunedì
Stamattina all'apertura dei lavori il centro sinistra ha occupato l'Aula per protestare contro le incertezze sulle entrate erariali della Sardegna.  Senza risorse è  una finanziaria vuota, senza entrate non ci sono politiche pubbliche che possano mitigare i gravi effetti della crisi economica che attanaglia la Sardegna.  

Puoi seguire Chicco in diretta entra nella pagina FACEBOOK
Chicco Porcu | Pagina Ufficiale


Alla presidente del Consiglio Claudia Lombardo
Al presidente della Regione Ugo Cappellacci

Cagliari, 20 dicembre 2010

Signora Presidente del Consiglio, Signor Presidente della Regione
I gruppi di centro sinistra in tutte le loro competenti autonomiste ed identitarie hanno deciso di occupare l’Aula Consiliare per fare definitivamente chiarezza sull’effettiva consistenza delle entrate fiscali spettanti alla nostra Regione.

Riteniamo che in un momento per la Sardegna di così grave crisi economica e sociale, di progressiva desertificazione produttiva, di aumento della disoccupazione, della povertà e del disagio, sia prioritaria responsabilità delle istituzioni mettere in campo ogni strumento ed ogni risorsa che possa dare risposte concrete ed efficaci e non virtuali ai bisogni della società sarda.

Non è accettabile procedere in una sessione Finanziaria 2011 dove le differenze nelle entrate erariali - tra quanto previsto dal Bilancio dello Stato appena approvato e quanto previsto dal bilancio della Regione - rimangono così profonde, oltre un miliardo di Euro per il 2010, 2 miliardi nel biennio, il 100% delle risorse effettivamente manovrabili.

E’ facile rispondere anche a chi ci fa notare che l’occupazione ritarda l’approvazione della finanziaria e la spendita delle risorse in essa contenute.  Il Patto di stabilità nazionale che vincola la spesa a quella storica, non rinegoziato dalla Regione, rende di fatto inutile l’approvazione del bilancio 2011 entro la fine dell’anno.

Per questo i gruppi del centro sinistra ribadiscono di voler continuare la propria mobilitazione fino a quando il Presidente della Regione non impugnerà la legge di stabilità ed il bilancio dello Stato 2011 sollevando il conflitto di attribuzione presso la Corte Costituzionale o fino a quando la Ragioneria dello Stato non vorrà comunicare formalmente l’effettivo importo del gettito erariale spettante alla Sardegna per gli anni 2010 e 2011.

Dopo due anni dall’entrata a regime del nuovo articolo 8 dello statuto novellato dalla finanziaria dello Stato del 2007 non è più possibile accettare rinvii o accontentarsi delle ennesime effimere promesse.

I Consiglieri del Centro Sinistra

Top
Stampa Stampa Indietro Indietro

I commenti:

Luisa CA
Martedì 21 Dicembre 2010, 22:32:55
Bravi, grazie per quello che state facendo per tutti i sardi

I commenti: